Quel periodo dell’anno lo inauguro con Modcloth.

Condividilo!
Facebook Twitter Email Pinterest

Sta arrivando quel periodo dell’anno durante il quale desideriamo. Se penso che la combinazione freddo + luci natalizie rappresenti effettivamente il motore che anima ogni nostro desiderio, e la forza che ci spinge a volerli realizzare, vorrei fosse Dicembre tutto l’anno.

Io in particolare, per questo Natale, desidererei diventare finalmente me stessa. Chi mi legge da tempo sa, sono alla continua ricerca di Me. E’ un percorso lungo e tortuoso, ma piano piano penso riuscirò sicuramente a farcela.Modcloth_Shoesontheroad_preview

Questo è il periodo dell’anno in cui i sogni tendono a voler diventare realtà: le famiglie si riappacificano, si riuniscono, si accolgono. Le distanze si accorciano e gli sguardi si alzano verso il cielo.  L’aria si fa gelida, i corpi si avvicinano.

Quei cassetti nei quali riponevamo tutti i buoni propositi dell’anno prima si aprono di nuovo, vengono riordinati, qualcuno lo si può archiviare perché sì, a realizzarlo ce l’abbiamo fatta. Alcuni vengono spostati avanti perché da troppo tempo aspettano il loro turno. E mano mano se ne aggiungono di nuovi, sempre diversi, perché nuove e sempre diverse siamo anche noi. Modcloth_shoesontheroad_box

Come vi dicevo poc’anzi, uno dei desideri che cercherò sempre di realizzare è quello di diventare me stessa. Non che io non lo fossi già da 23 anni a questa parte, sia ben chiaro. So benissimo chi sono e cosa voglio, solo che a volte non mi assomiglio. Non mi assomiglio per convenzioni, per pregiudizi, per dicerie, per volontà, per necessità, per protezione. A volte tendo a non somigliarmi per paura. Per paura di deludere chi invece mi ha idealizzata in un certo modo. Deludere le aspettative è il mio timore maggiore.

Così ho deciso di mettermi d’impegno, e trasformarmi in me stessa dapprima facendo un lavoro di introspezione e capendo effettivamente chi sono Io. Dopodiché anche sull’immagine che devo avere per trasmettere questo messaggio agli altri. Un po’ come una piccola Alice che, oltre lo specchio, esplora il Paese delle Meraviglie.

E’ così che mi hanno definita ieri, vedendo una piccola anteprima delle foto di questo post. In esse, un piccolo barlume di quella che sono io e di quella che vorrei essere sempre, d’ora in avanti. Ricordate quando scrissi riguardo le mie wishlist infinite? Beh, pare che Modcloth lesse quel mio post e, come un piccolo Babbo Natale benevolo, volle donarmi la possibilità di trovare qualcosina di loro sotto il mio albero di Natale (che, per inciso, ancora non ho fatto). modcloth_messageCosa scelsi? Era un po’ di giorni che girovagavo sul loro sito internet e, ahimè, non riuscivo mai a trovare NULLA che NON mi piacesse! Così cercai di farmi un regalo intelligente (regalo che poi divenne da parte dei miei), e composi un completo che avrei potuto indossare abbinato o spezzato. Una gonna e una blusa deliziose! modcloth_shoesontheroad_shopping

Quando li ho indossati mi sono subito sentita ME. E’ così che sono dentro, e finalmente riconoscevo l’immagine di me anche all’esterno, lì, riflessa nello specchio. La me che, come una piccola Alice vagava all’INTERNO dello specchio, era finalmente al di fuori di esso. Forse è proprio questa la lezione che ho tratto dalla lettura del romanzo di Carrol: non siamo effettivamente noi stessi finché l’immagine riflessa al di là dello specchio (e quindi dentro di noi, il modo in cui ci immaginiamo) non ricalca fedelmente la persona che siamo e che ci si sta riflettendo. 

Così, eccomi qui. Modcloth_shoesontheroad_outfit

modcloth_shoesontheroad_outfit1

modcloth_Shoesontheroad_detail

modcloth_shoesontheroad_outfit3

modcloth_shoesontheroad_moschino_clutch

♡ Benvenuti nel mio Paese delle Meraviglie. ♡

Qual è il vostro desiderio più grande?

Condividilo!
Facebook Twitter Email Pinterest

23 pensieri su “Quel periodo dell’anno lo inauguro con Modcloth.

  1. Riuscire a capire ed accettare se stessi è davvero un percorso lungo e difficile, ma quando si arriva alla fine è bellissimo!

    Hai scelto un bel look per rappresentarti!

    XOXO

    Marci&
    Paillettes&Champagne

    1. E’ vero, io sono due anni che ci sto lavorando, dopo aver vissuto una crisi profonda. 🙂 Sono contenta di starne uscendo! ♡

  2. mi ci sono voluti anni per capire me stessa, scoprirne i limiti, i pregi e i difetti, per non parlare del lavoro che ho fatto per “smussare i miei angoli” e rendermi una persona meno impulsiva e più tollerante. Sono percorsi lunghi, che richiedono pazienza e maturità 😉

    Cambiando argomento: la gonna è bellissima *_*

  3. Bellissimo l’abbinamento, ti dona molto! Accettare sé stessi a volte è molto più difficile che farsi accettare dagli altri, ma ne vale la pena, è una cosa che sto imparando pian piano…

    Una domanda tecnica: ma acquistando dall’America hai avuto problemi di dogana? Perché so che a volte si paga addirittura doppio, e questo mi ha sempre fermato dal fare shopping su Modcloth…

    1. Dunque, sì, speravo spedissero con un corriere internazionale, invece il pacco mi è stato recapitato da Poste Italiane e per questo ho dovuto pagare 16 euro di dogana alla consegna :/ (il totale però non è diventato il doppio di quanto ho speso). In linea generale, per la quantità delle promozioni che offrono e per la cortesia ed il contesto del sito, mi sento proprio di consigliarlo! 🙂

  4. “Diventare me stessa”, è proprio vero dovremmo seguire tutti la nostra personalità e manifestare il nostro volere senza pensare di deludere gli altri. Adoro la gonna, il tuo look ricordo molto quello di Alice e ti sta benissimo!!

  5. Non riesco a smettere di sorridere. 🙂 Mi piace questo articolo, condivido ogni parola e…ADORO QUELLA GONNA! okok, torniamo serie. u.u Vedere nello specchio quello che siamo, pensiamo di essere o semplicemente vogliamo essere, anche solo per una sera…quello mi piace ed è quello che cerco continuamente.

    baci a te e Lulù <3

    Love&Studs

  6. Il look che hai scelto è stupendo… il verde è un colore stupendo! Stai benissimo… che i tuoi desideri possano avverarsi tesoro…sei speciale

  7. Pingback: Shoes on the Road

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *